25 Oct 2017

Zoo Warlock (ZooLock): finalmente la guida che aspettavi!

Tags:

Benritrovati amici dal vostro capitano VKing!

Anche durante la trasferta a Los Angeles non smetto di pensare a voi e dunque ho speso qualche ora nella stesura di questa bella guida che credo e spero potrà tornarvi utile! Oggi parliamo di ZooLock o Zoo Warlock che dir si voglia! Una lista che ho scoperto grazie a JoueurV4L, visto che io in questi giorni ho giocato davvero poco causa TwitchCon. Suvvia, basta con queste chiacchiere da bar, andiamo al sodo!

La lista


Il pacchetto pirati: alcune liste, sopratutto a causa della presenza massiva di Golakka Crawler, decidono di non impiegare queste carte. Capisco benissimo il ragionamento dietro una simile scelta, tuttavia:

1) Le sostituzioni di Blood Imp e Vicious Fledgling rendono il turno 1 e il turno 3 molto meno proattivi

2) Anche un pesante swing dovuto a un Golakka non è insormontabile, abbiamo Soulfire per gestirlo, probabilmente anche riuscendo a ciclare al contempo

3) Mi sembra ci siano sempre meno Rogue sulla scena e ciò vuol dire anche meno Golakka.

Inoltre, il pacchetto pirati gode di un’ottima sinergia con il [Darkshire Councliman], poiché è possibile farlo crescere non poco e molto in fretta. Pressoché lo stesso ragionamento va applicato sulla scelta di giocare entrambi i capitani: consistency nel trovarli nell’early game.

I drop da 1: diversi tipi di servitori e magie costo 1 possono rappresentare il core delle varie liste Zoo Warlock. Ad esempio, Mortal Coil è una di quelle carte che si rende protagonista di molte discussioni in community. Includerla o no?

Dipende dal meta. Contro gli avversari che ho incontrato, Mortal Coil non ha fatto molto. A volte ha abilitato l’ovvio trade + trade, ma molto spesso sono stato piuttosto infelice di vederla come topdeck in un momento importante della partita. Piuttosto inutile sopratutto contro Druid e Priest e ce ne sono tanti in questo momento.

Acherus Veteran può sembrare debole, ma fa molto bene il suo lavoro: abilitare dei value trade nelle prime fasi della partita. Qualcosa di semplice come poter potenziare di 1 l’attacco di un [Malchezaar Imp] affinché possa tradare facilmente un Fire Fly avversario rischia lentamente di far andare la partita verso la nostra parte. Nel lategame perde valore, ma resta un buon target per Bonemare, ad esempio. Non sono un fan dei Blood Imp, per questo non li inserisco in lista.

I drop da 3: Darkshire Councilman resta una delle carte piu’ forti del gioco, specialmente contro Rogue e Druid. Sinergizza molto bene con il pacchetto pirati, può essere protetto in curva dai Saronite Chain Gang di quarto o giocando molti drop da 1, costringendo così l’avversario a un clear AoE dal quale però lui sfuggirà grazie alla mole di punti vita. Niente Vicious Fledgling in questo deck, non sufficientemente proattivo.

I drop da 5: Non sono ancora convinto su Despicable Dreadlord. Probabilmente vale la pena sperimentare un po’ e provare alcune sostituzioni, una su tutte Cobalt Scalebane. Le Doomguard sono troppo importanti.

Gul’dangerous: vedo che alcuni decidono di non includerlo. Mi chiedo… siete pazzi? Sì, a volte lo scarterete (grazie Blizzard), ma nonostante ciò è troppo importante. Quando si ha tempo e modo di giocarlo in una posizione decente si verifica uno dei seguenti due scenari: il vostro avversario concede pochi secondi dopo oppure, se si tratta di Druid o Priest, resiste sapendo di avere minacce per uccidervi nei turni successivi (Druid) o risposte al board (Priest). In quel caso il mio consiglio è: face is the place.

Non lasciate che trovino la strada della vittoria nel topdeck e tagliate corto spingendo il piu’ possibile verso la testa avversaria.

Il Mulligan

Esclusa la Acherus Veteran se non se ne hanno altri e, ovviamente, Patches the Pirate, è bene tenere sempre tutti i drop da 1. Con il coin dalla nostra, vanno benissimo anche Councilman e Southsea Captain.

Non siate troppo greedy nella ricerca di Prince Keleseth. Se lo si trova, benissimo. Se non lo si trova, si può comunque vincere. Il deck non dipende così tanto da questo buff +1+1.

I Matchup

 Druid: siamo leggermente favoriti. Contro Aggro Druid non è facile, vince chi ha board control. Tutte le altre versioni di Druid che non siano Jade Druid sono easy win, ma i Golem impestano la ladder nella maggior parte dei casi. Il matchup contro Jade Druid è vicino al 50 e 50, molto dipende dalla prontezza delle loro risposte, in primis Spreading Plague. Darkshire Councilman è l’MVP di questo matchup.

Rogue: siamo decisamente favoriti. Credo che questo matchup si spieghi da solo. Si vince quasi tutte le volte in cui un Rogue avversario non inizia con triplo Keleseth e quando si riesce a fare un playaround decente a Backstab, anche doppio a volte. Bisogna fare molta attenzione a Vilespine Slayer, dunque è bene separare i vari buff su più target in modo da non dare troppo valore a quel battlecry di rimozione.

Priest: siamo leggermente sfavoriti. L’unico matchup davvero tendente al negativo per questo deck. La Hero Card in questo matchup sposta gli equilibri del match, sopratutto se riesce a rievocare una o due Doomguard. Per il resto, non c’è molto da fare. Èun mazzo pieno di risposte al board contro il nostro deck estremamente board-centrico. Possiamo vincere quando mancano risposte all’avversario e quando riusciamo a espanderci sul campo di gioco con punti vita “diversi” che non subiscano troppo gli stessi removal.

Warlock: siamo decisamente favoriti. Solo due regole: nel mirror bisogna dominare il board e contro Handlock o simili bisogna stare molto attenti a Defile.

Mage: siamo decisamente favoriti. Specialmente contro Exodia Mage. In quel caso la regola è una sola: face is the place. Contro Tempo Mage non fate troppo affidamento sui vostri servitori a 3 di vita, non volete perdere un intero game a causa di un singola Frostbolt.

Shaman: siamo decisamente favoriti. Esclusi gli scenari improponibili e inevitabili in cui la “combo” al turno 6 ci sistema per feste grazie a [Dopplegangster] + Evolve, tutte le altre situazioni di gioco sono a nostro favore se controlliamo il board. Importante: giocare al meglio attorno a Maelstrom Portal.

Troppe poche partite giocate per valutare gli altri matchup, l’unico grande escluso è comunque il solo Hunter, che non ho incontrato!

Grazie per aver letto questa guida! Have fun laddering my friends! Ci vediamo in streaming in queste ore!


Twitch trendsetter, translator, gamer since forever | HearthStone high legend player | infinite arena player | videogame e-prophet







Comments

comments


Newsletter
mail us || privacy policy || 2017 Team QLASH