4 Oct 2017

Di Pilfered Power Aggro Druid ne abbiamo? Certo che sì!

Tags:

Ben ritrovati amici dal vostro capitano VKing!
Come sempre, ogni volta inizio a scrivere la mia guida settimanale con l’intento di proporre qualcosa di serio e veramente utile. Poi, in fase di studio, scopro qualcosa di incredibile che mi fa sgranare gli occhi, lo provo e non riesco a non proporvelo! Sopratutto perché VINCE!

Signore e signori, il mazzo di oggi è un Pilfered Power Aggro Druid!

Aggro Druid is not dead!

Stavate già esultando per scomparsa di Aggro Druid dalla ladder?

DerpyTroller, un nickname che è tutto un programma, ha sfondato la top20 legend con questa lista e appena l’ha resa pubblica ho dovuto provarla. Sicuramente quello delle liste aggro, post nerf, resta un grande terreno inesplorato che può ancora essere migliorato e questo deck ne è una dimostrazione.

Ho inoltre apprezzato molto lo stile di gioco che questa sequenza di carte propone. In generale, sembra che le proprie scelte abbiano molto impatto sulla partita e sul controllo che si ha delle varie situazioni di gioco, sopratutto nei primi turni. Sicuramente non è un mazzo che va col pilota automatico.

Inoltre, a volte riesce semplicemente a dominare per effetto snowball senza lasciare scampo agli avversari, come vedremo in alcuni scenari descritti successivamente.


Alla scoperta di questo deck molto particolare

L’idea di base è quella di un aggro deck con un flavour diverso dato dalle due copie di Pilfered Power e di Ultimate Infestation. Tutti sanno che UI è una delle carte più forti mai stampate su Hearthstone e dunque bisognava pur trovare un pretesto per giocarla!

Ecco dunque la win condition che non ti aspetti. Impiegare il ramp fornito da Pilfered Power consente spesso anche di giocare per tempo la doppia copia di Bittertide Hydra, devastante contro Priest, che dopo il nerf di Innervate non godeva di troppa luce in mazzi Aggro Druid.

I pregi del deck stanno anche nei matchup favorevoli sul meta attuale. Non saprei darvi delle statistiche precise (ho giocato troppe poche partite per giudicare), ma sono certo del winrate estremamente alto contro Priest in qualsiasi salsa (direi 65% al minimo) e il dominio totale contro Rogue, anche qui a prescindere dalla forma (siamo intorno al 70% di winrate).

Male contro le versioni Control di Warlock, bene contro ZooLock invece. Il ramp a sorpresa e un possibile Ultimate Infestation giocato di turno 5 o 6 aiutano non poco!

Esiste un mulligan specifico per ciascun matchup?

No. Le regole generali del mulligan sono piuttosto semplici e sempre uguali: cercare sempre i drop da 1 e dare priorità a Golakka Crawler quando si gioca contro classi che potrebbero avere dei pirati nei primissimi turni.

Se si hanno già a propria disposizione almeno due turni 1, possibilmente Fire Fly, è possibile tenere Pilfered Power in fase di mulligan.

Il vero dubbio sorge appena dopo la scelta delle carte iniziali, ovvero come gestire i primi turni. Possiamo individuare due strade:

1) Matchup basati sul Tempo. Ad esempio contro altri mazzi aggro, Keleseth Rogue o ZooLock.

Tempo >>>>> Ramp. L’importante in questi matchup è il controllo del board e dei forti swing possibili per entrambi i giocatori. Dunque rampare tramite Pilfered Power scende in secondo piano in quanto a priorità.

2) Matchup contro mazzi più lenti. Ad esempio contro Priest, Control Paladin, Control Warlock.

In questo caso, la pressione continua e costante ha la priorità. Dunque Pilfered Power is king ed è possibile che vinca all’istante la partita quando impiegata in combinazione con Ultimate Infestation entro i primi turni di gioco.

In generale, aiuta a sviluppare una pressione ingestibile per la maggior parte dei deck avversari e risulta dunque cruciale. Grazie a Fire Fly o Patches the Pirate sarà molto semplice guadagnare molti cristalli di mana garantendo al deck un’esplosività e un effetto sorpresa che aiuteranno a chiudere i game molto presto.

È importante mettere la giusta pressione anche allo scopo di forzare dei removal per poi ripartire, dato che raramente si vincerà la partita con il primo board status proposto. Anche in quei casi, sfruttare Pilfered Power per ottenere cristalli di mana anziché cadere nell’errore dell’overcommitting su board risulta una giocata davvero sublime (accelerando la discesa in campo di Bonemare o Ultimate Infestation).

In entrambi i casi, rampare di terzo avendo già in mano un Living Mana che avrà valore 5 o 6 incontrerà difficilmente una degna risposta da parte dei nostri avversari!

Non bisogna dimenticarsi del fatto che Pilfered Power, come avviene per Wild Growth, consente un “Excess Mana” per pescare una carta qualora impiegata con già 10 cristalli a propria disposizione! Attenzione però, infatti si dovrà avere sul board almeno un servitore affinché ciò avvenga.

Che dire ragazzi, come sempre: provare per credere! Divertitevi con questa nuova lista e buona scalata!

See you next week!


Twitch trendsetter, translator, gamer since forever | HearthStone high legend player | infinite arena player | videogame e-prophet






Comments

comments


Newsletter
mail us || privacy policy || 2017 Team QLASH