7 Jun 2017

Control N’Zoth Paladin? All right!

Tags:

Ciao amici!
Oggi torno a suggerirvi una lista “peculiare”, come mio solito, per tentare la scalata verso il legend (e oltre).

Nel farlo, essendo ancora agli inizi del mese, ritengo di poter prendere come riferimento alcune ottime “chiusure di stagione” del mese scorso e ho passato qualche ora ad analizzare i migliori mazzi della top5 europea ed americana del mese di maggio.

Uno dei più interessanti è proprio nel Numero 1 in assoluto sul server NA a opera di Ostkaka. Lo conoscerete tutti, ex campione del mondo insieme a Firebat e Pavel. Il suo è un Control N’Zoth Paladin!

Strategia

Molto in breve, non ci si discosta molto da quella è la strategia “storica” di tutti i Control Paladin. Lo scopo del mazzo è quello di controllare il board e ottenere valore da carte incredibili quali Doomsayer, Rallying Blade, Truesilver Champion o da una Equality in coppia con Consecration o Wild Pyromancer.
Lentamente, bisogna cercare di ottenere un vantaggio crescente sul proprio avversario grazie ad asset come Stonehill Defender, Tirion Fordring, [N’Zoth, the Corruptor]. L’outvalue è garantito grazie al buon numero di taunt e cure che traghettano verso il late game.

Mulligan

Non c’è bisogno in questo caso di stilare un mulligan specifico per classe, poiché l’elevato costo in mana di molte carte ci lascia con “poche alternative” per l’early game ed è dunque sufficiente operare una scelta più mirata solo quando temiamo di trovarci contro aggro.
Tra le carte iniziali cerchiamo SEMPRE Doomsayer, Stonehill Defender, Equality, Hydrologist.

Contro i mazzi aggro, risulta un ottimo keep anche quello di Aldor Peacekeeper, Rallying Blade e (con il coin) di Wild Pyromancer.
Quando tra le carte iniziali si ha la fortuna di trovare immediatamente Equality, possiamo tranquillamente tenere anche Wild Pyromancer.
Quando si ha a disposizione 1 o 2 delle carte precedentemente elencate in fase di mulligan, si può considerare l’idea di tenere addirittura Acolyte of Pain, che ci garantirà un vantaggio carte fondamentale per l’andamento del game.

Scelte particolari

Forbidden Healing: 20 punti vita. Il range perfetto per tirarsi fuori da tutte le minacce del Burn Mage o dei mazzi Aggro. Una carta da giocare quando l’avversario è ormai in fase di commitment verso i danni in faccia e non pensa più alla gestione del board. Sarà possibile successivamente stabilizzare il tavolo di gioco e curarsi nuovamente.

Dirty Rat: un’ottima soluzione per qualsiasi control deck che abbia a propria disposizione dei board clear garantiti. Eccellente quando riesce a interrompere varie combo o battlecry importanti che possono cambiare il corso della partita, sufficiente già quando riesce a uccidere un servitore in più del proprio avversario grazie all’accoppiata con un board clear.

Rallying Blade: Vediamo questa carta inclusa in sempre più liste di Murloc Paladin, poiché la maggior parte delle liste aggressive tende a giocare servitori con 3 punti vita. Tra tutti, basti pensare a Vicious Fledgling, Mana Wyrm, Arcanologist o alla maggior parte dei pirati. Grazie alla Blade abbiamo un controllo efficace su queste soluzioni aggressive e l’abbiamo a un mana di differenza rispetto alla Truesilver. Questa differenza può sembrare un’inezia per un giocatore inesperto, ma nella maggior parte dei casi farà la differenza tra la vittoria e la sconfitta.

[N’Zoth, the Corruptor]: Con così pochi Deathrattle può sembrare strana l’inclusione dell’Old God più forte del vecchio set, ma a ben guardare si tratta di ALMENO due deathrattle minion importantissimi (Infested Tauren e Tirion Fordring). Dico “almeno” perché lo Stonehill Defender, nella maggior parte dei game, può dire la sua in proposito regalandoci altre soluzioni. Riportare in vita questo tipo di servitori è spesso più che sufficiente per chiudere la partita, provare per credere!

Matchup

Di base, questo Control Paladin è piuttosto equilibrato in quanto a matchup, la maggior parte si attesta su un 60/40 (da un lato o dall’altro), con “poche punte” che vanno a polarizzare alcuni degli incontri.

Tra i winrate pù importanti possiamo elencare:
Druid: 38% vs Jade, 67% vs Aggro
Mage: 55% vs Secret e Burn, 67% vs Freeze
Priest: 50% contro tutte le forme di Priest, un equilibrio paritario che diventa leggero vantaggio (quasi 60%) contro Silence Priest.
Rogue: 35% circa sia contro Miracle, sia contro Quest.
Shaman: 45% vs Midrange, 59% vs Token.
Warrior: 59% sia vs Pirate sia vs Taunt.

Grazie per aver letto questa guida “spot”, spero vi possa aiutare a scalare più facilmente la ladder, senza perdere l’occasione di giocare un mazzo più divertente e “challenging” del solito!
Alla prossima!


Twitch trendsetter, translator, gamer since forever | HearthStone high legend player | infinite arena player | videogame e-prophet






Comments

comments


Newsletter
mail us || privacy policy || 2017 Team QLASH