Introduzione all'Elemental Priest

11 May 2017

Una breve introduzione all’Elemental Priest

Tags: •

Ciao amici!

Il deck di cui voglio parlarvi oggi è diverso dal solito, voglio infatti introdurvi brevemente all’Elemental Priest.
Come sapete, la mia versione preferita di Priest Deck è il Silence, un mazzo a cui devo l’ottimo risultato della Top20 al Dreamhack di Austin, ma l’innesto degli elementali può farvi accedere a soluzioni nuove per la ladder e darvi il vantaggio dell’effetto sorpresa.

La win condition di questa lista è simile a quella che trovereste proprio in un Silence deck, ma in generale lo sviluppo del gioco si dimostra più versatile. La combo Divine Spirit + Inner Fire vi farà salire rapidamente di rank.

Inclusioni

Si tratta fondamentalmente di un “core” classico Priest arricchito da elementali.

    • 1x Fire Fly: un minion da early game estremamente solido che funge da attivatore del Servant of Kalimos e che può essere buffato nei primi turni.
    • 1x Igneous Elemental: L’attivazione del Servant of Kalimos è fondamentale e dunque ci serve questo supporto per garantire consistency al deck.
    • 2x Tar Creeper: Un’inclusione semplicemente fortissima, sinergia grandiosa con il tag Elementale e un ottimo target per i nostri buff!
    • 1x Kooky Chemist: La sorpresa che non ti aspetti nello slot da 4 mana, ha ottime sinergie con il resto del mazzo oltre a poter fungere da chiusura immediata di una partita.

Elemental Priest

  • 1x Elise the Trailblazer: Il pacchetto di Elise è una risorsa molto preziosa e la possibilitĂ  di poterne trovare piĂą di uno per partita grazie a [Shadow Vision] basta a giustificare l’inclusione di questa bellissima leggendaria.
  • 1x Lyra the Sunshard: Lyra è essa stessa una win condition. Oltre a fornirci un ciclo continuo di carte, se non viene rimossa immediatamente ci traghetterĂ  quasi sempre alla vittoria. Ovviamente irresistibile la sinergia con i Radiant Elemental.
  • 2x Servant of Kalimos: Discover di altri elementali, tra cui Lyra o altri Radiant (percentuale molto alta che ciò avvenga)… serve altro?

Mulligan e matchup

Mage: Siamo favoriti. La maggior parte dei Mage che popolano la ladder giocano la lista “Gunther”, anche se non mancano i player di Secret/Tempo. Cerchiamo sempre Northshire Cleric, Power Word: Shield, Radiant Elemental, Shadow Word: Pain, Tar Creeper. A volte anche Potion of Madness e il Kabal Talonpriest possono andar bene, ma dobbiamo avere almeno una delle precedenti già in nostro possesso.
La win condition in questo caso è la pressione nelle primissime fasi di partita, in particolare tramite buff dei nostri servitori.

Taunt Warrior: Siamo sfavoriti.
Il Taunt Warrior fa un ottimo lavoro nel pulire il board e la presenza sul tavolo di gioco è la nostra condizione di vittoria. In alcuni game riusciremo a impiegare Potion of Madness per un lethal a sorpresa, oppure riusciremo ad affidarci al pacchetto di Elise o a qualche miracolo di Lyra, ma in generale “non butta bene”. I keep sono Northshire Cleric, Power Word: Shield, Radiant Elemental, Shadow Word: Pain, Tar Creeper.

Pirate Warrior: Siamo favoriti.
E’ sufficiente gestire i primissimi turni, buffare i nostri taunt, curarci con Priest of the Feast. Cerchiamo sempre Potion of Madness, Northshire Cleric, Power Word: Shield, Radiant Elemental, Shadow Word: Pain, Tar Creeper.

Quest Rogue: Siamo leggermente favoriti.
Con dei buoni buff nell’early game c’è poco che la lista Rogue possa fare. Face is the place. Cerchiamo sempre Northshire Cleric, Power Word: Shield, Radiant Elemental, Shadow Word: Pain, Tar Creeper, Divine Spirit e Inner Fire.

Miracle Rogue: Non ne ho incontrati, a livello teorico siamo sfavoriti.
Immagino che gli hard removal o i Sap siano letali per la nostra lista, la strategia deve restare comunque simile a quella che attueremmo contro Quest Rogue, sperando che manchino risposte nella mano avversaria.

Hunter: Siamo favoriti.
Potion of Madness vince da sola il game in molti casi (rubare una Kindly Grandmother tradando e tenendosi una 3-2… non serve molto altro). L’importante è gestire il board nei primi turni, buffare i propri taunt, tentare di far terminare le risorse al Cacciatore. Cerchiamo sempre Northshire Cleric, Power Word: Shield, [Radiant Elemental], Shadow Word: Pain, Tar Creeper, Potion of Madness.

Silence Priest: Siamo favoriti.
Abbiamo possibilità maggiori di controllare il board nei primi turni, possiamo gestire i loro target di silence prima che trovino attuazione o possiamo fare un playaround molto particolare nell’impiegare Inner Fire sulle loro 4-8 al fine di trasformarle in 8-8 e potendole così rimuovere con Shadow Word: Death. Dobbiamo, fondamentalmente, bloccare le loro win condition volta per volta. Cerchiamo sempre Northshire Cleric, Power Word: Shield, Radiant Elemental, Shadow Word: Pain, Tar Creeper, Shadow Word: Pain. A volte, anche Kabal Talonpriest e Potion of Madness possono tornare utili, ma dobbiamo già avere in nostro possesso una delle carte precedenti.

Paladin: Siamo sfavoriti.
Il segreto sta nella gestione di primi murloc, tentando al tempo stesso di tenere dei servitori dal nostro lato che abbiano molta vita. Il problema è che anche in questo caso particolarmente ottimista, un Equality o un Tarim con buoni tempi riescono a stroncare tutto il nostro gameplan. Lyra può rappresentare un raggio di luce in fondo al tunnel se non viene gestita nell’immediato. Cerchiamo sempre Cleric, Power Word: Shield, Radiant Elemental, Tar Creeper, Potion of Madness, Shadow Word: Pain.

Aggro druid: Siamo leggermente favoriti.
Gameplan molto simile a quello contro Hunter. La maggior parte delle volte il game sarà deciso entro il turno 5. Ove possibile, impiegare Potion of Madness post Living Mana anziché nei primi 2 turni rappresenta uno swing irrecuperabile per il Druido, ma non sempre avremo questa comodità. Cerchiamo sempre Cleric,Power Word: Shield, Radiant Elemental,Tar Creeper, Potion of Madness, Shadow Word: Pain.

Jade druid: Siamo decisamente favoriti. Molto semplicemente, il Druid non ha modo di gestire comodamente un nostro minion buffato nell’early game.

I consigli per il Mulligan non esistono, non ha senso cercare un mulligan favorevole contro Jade Druid col rischio di trovarsi contro un Aggro Druid. Andiamo sempre per il Mulligan adatto alla versione aggressiva. Grazie per aver letto questa guida, che Lyra ed Elise vi portino bene nella vostra scalata!


Twitch trendsetter, translator, gamer since forever | HearthStone high legend player | infinite arena player | videogame e-prophet







Comments

comments


Newsletter
mail us || privacy policy || 2017 Team QLASH