Tutti pazzi per la nuova modalità di Hearthstone

11 Dec 2017

Dungeon Run, cara Blizzard stavolta hai fatto centro

Tags: •

Mi sento un po’ in difficoltà ad iniziare questo pezzo, perché nessun incipit, nessuna parola, riuscirà a spiegare al meglio quanto io mi senta incredibilmente elettrizzato da Dungeon Run, la nuova modalità di gioco single-player di Hearthstone, lanciata in concomitanza con l’espansione Kobolds & Catacombs.

Quando ho deciso di scrivere qualcosa a riguardo, mi sono un attimo fermato: e se fossi uno dei pochi, o magari anche il solo, ad apprezzare così tanto Dungeon Run? Così mi sono fatto un giro su Reddit per capire l’aria che tirava nella community internazionale.

E ho fatto fatica a trovare un singolo commento negativo.

Un Dungeon Crawler dalla longevità potenzialmente infinita

Ho sempre amato i dungeon crawler, meglio ancora se con qualche elemento di RPG. Arcuz, e il suo seguito Arcuz II, sono tra i miei giochi flash preferiti in assoluto – li trovate facilmente googlando in allegria.

Pur essendo piuttosto ripetitivo nelle meccaniche, come qualsiasi dungeon crawler – soprattutto nelle fasi iniziali – Dungeon Run risulta essere una novità gradita e soprattutto, per quel poco che ho potuto vedere finora, ben congegnata.

48 boss che ruotano, 14 poteri passivi, 32 treasure e 12 ‘pacchetti di carte’ differenti, che naturalmente cambiano a seconda della classe scelta. Insomma, finire Dungeon Run con ogni classe non sarà impossibile – c’è chi ci è già riuscito – ma farlo esplorando ogni combinazione richiederà centinaia e centinaia di ore di gioco.

Ottimo contenuto accalappia-giocatori

Diciamoci la verità: Blizzard non ha deciso di fare semplicemente un regalo gratuito ai propri utenti, lanciando Dungeon Run. Lo ha fatto anche per cercare di allargare ulteriormente il proprio bacino di utenza.

Questa nuova modalità, infatti, permette di attirare anche (forse soprattutto?) quella fetta di utenza interessata ai giochi di carte collezionabili online, ma che trova in Hearthstone un gioco troppo pay-to-win per i propri gusti.

Una valida alternativa a ladder e Arena, sempre che…

Dungeon Run permette anche di staccare dalle classiche modalità ladder e Arena, là dove la sola Tavern Brawl (limitata temporalmente e varia soltanto nella misura in cui cambia una volta a settimana) non è riuscita completamente nel medesimo intento.

Certo, arriverà prima o poi il momento in cui anche Dungeon Run comincerà a stancare, perché per quante combinazioni diverse ci siano, non sono comunque infinite. E qui gli sviluppatori devono essere bravi.

Basta infatti dare una rinfrescata ogni tanto alla modalità, aggiungendo nuovi boss, nuove carte, nuovi poteri, per mantenere Dungeon Run sempre interessante. Uno sforzo di programmazione e fantasia in più, certo, ma a giudicare dalle premesse ne varrebbe sicuramente la pena.


E voi che ne pensate?

Ditecelo lasciando un commento all’articolo sulla nostra pagina Facebook!



giornalista sportivo | blogger, traduttore e web content curator di prima generazione | appassionato di poker | concertista mancato | sbustinatore folle | nerd







Comments

comments


Newsletter
mail us || privacy policy || 2018 Team QLASH